L'AcLTI non effettua raccolte di fondi "porta a porta". Segnalateci iniziative sospette 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 AcLTI – Associazione contro le Leucemie e i Tumori nell’Infanzia

 

Via Peppino Impastato n. 19 – 80144  Napoli

www.aclti.it   info@aclti.it  codice fiscale 94140090633 Tel/Fax 081.5430969

Iscrizione Albo Regionale Campania decreto n. 333 del 14 settembre 2001


                                                                                               Sognare da soli è un sogno, sognare insieme è l'inizio della realtà......

Esistono cure?

I tumori maligni nel bambino hanno una più favorevole risposta alla cura rispetto a quelli dell’adulto. Questi sono i trattamenti fondamentali: 
  - la chemioterapia consiste nell’impiego di farmaci, definiti antiblastici. Essa ha assunto un ruolo importante sia per l’efficacia riscontrata sia perchè, nella maggior parte dei casi, non provoca danni permanenti all’organismo;   
 - la radioterapia,  cioè il trattamento con radiazioni, è impiegata solo quando è strettamente necessario perchè può causare danni, specialmente in un organismo in fase di accrescimento come è quello del bambino;
 - la chirurgia nella maggior parte dei casi è ancora il tipo di cura più efficace.  
Per le leucemie quando il trattamento farmacologico non risulta valido si ricorre sempre più frequentemente al trapianto del midollo osseo (TMO) che può essere autologo (autotrapianto), allogenico (da familiare compatibile o MUD da donatore compatibile non familiare).

 

Speranze e realtà  

Oggi, secondo le statistiche ufficiali, la guarigione definitiva è possibile in oltre l’80% delle leucemie e nel 50% dei tumori solidi nell’infanzia. Si tratta di risultati fino a qualche tempo fa insperati e probabilmente destinati, grazie ai progressi della medicina, a migliorare ulteriormente. Tuttavia i successi documentati dalle statistiche non si ottengono se non a certe condizioni. Diagnosi precoce, scelta terapeutica appropriata e tempestiva, assistenza accurata e protratta nel tempo sono gli elementi sui quali si giocano le speranze di guarigione di un bambino affetto da tumore o leucemia, speranze che si traducono in concrete probabilità solo attraverso un’adeguata diffusione sul territorio di strutture altamente specializzate, dotate di strumenti all’avanguardia e di risorse umani e materiali che le mettono in grado di fornire la necessaria assistenza. Solo così le percentuali diventano fatti concreti: bambini, tanti bambini, aiutati ad uscire dal tunnel disperato della malattia.
 
La tabella che segue, in sintesi, illustra le principali neoplasie, i sintomi, le cure e le prospettive di vita.

Tumori solidi

Localizzazione

Principali sintomi Terapia Prospettive
Neuroblastoma Gangli paravertebrali Irritabilità, anoressia,perdita di peso, pallore,  febbre, dolori ossei Chirurgica, chemio Al  I e II stadio altissima percentuale di  guarigione
Willms Rene Dolori addominali, febbre Chirurgica, chemio, radio Sopravvivenza 80% a 2 anni
Sarcoma Tessuti molli I sintomi si differenziano in rapporto alla sede  di origine Chirurgica, chemio, radio Sopravvivenza    40 - 70% a 5 anni
Retinoblastoma Occhio Strabismo, occhio di gatto, aumento della pressione  intraoculare Chirurgica, chemio, radio Guarigione dal 75 al 100%
Cerebrali Sistema nervoso centrale Cefalea, vomito, convulsioni, vertigini, deambulazione,  febbre, diplopia Chirurgica, chemio, radio Sopravvivenza 40 - 70% a 5 anni

Ossei

Ossa Tumefazioni, dolori Chirurgica, chemio, radio Sopravvivenza 50 - 60% a 5 anni

Tumori non solidi

Localizzazione

Principali sintomi Terapia Prospettive
Leucemie Midollo osseo Febbre, dolori ossei, anemia, infezioni, emorragie,  ecchimosi Chemio, trapianto di midollo Guarigione dal 40 al 70%
Linfoma Linfonodi Febbre, dolori ossei, anemia, infezioni, emorragie,  ecchimosi, linfoadenomegalia Chemio, trapianto di midollo Guarigione dal 40 al 70%

 

 


Scrivi 94140090633 nella scheda di devoluzione del 5x1000 dell'Irpef. Non costa nulla clicca qui


 

Dona all'AcLTI il